Tagazhout

 

E’ così che da un pezzo sentivo dire che a Tagazhout ci aveva comprato casa anche un cantante di Roncocesi. Un giorno son lì in spiaggia che mangio delle pesche e passa un tizio. Jeans e petto nudo, una pancia che mai, barba ispida e rossastra, capelli tutti imbordigati, un sigaro spento in bocca e occhialoni da sole. Che visto così, mentre passava, si vedeva che era quel cantante di Roncocesi, però visto così, mezzo nudo di profilo a me sembrava più un ballone di fieno.

(L’invidia del cinghiale –Lettura- Per ora)

Tags:
,