Taioli

Vabè, adesso metto su un cafetone. Ce lo vuoi lo zucchero Bunga? Sì? Quanto? Due? Uno? Niente? Va bene. C’hai il diabete? Un cucchiaino e basta, vuoi che sia, il caffè è buono dolce, mica dolce arabito, però dolce, un cucchiaino, mi credevo ti fosse venuto il diabete. Ne rivuoi una lacrima di caffè che è ancora caldo? No? Lo puoi bere senza zucchero se vuoi. Lo so che non c’hai il diabete. Allora bevilo con lo zucchero. No? Bè, io un po’ ne riprendo. Piuttosto che uscire a berlo al bar mangio una merda. Va che lavori che mi vanno a capitare, lavori da matti.

Dai, riprendi un goccio di caffè Bunga, lo scaldo se è venuto freddo. Ti ci metto anche la correzione se la preferisci allo zucchero, c’ho la Sambuca di là. Non ce la vuoi? C’avrai mica il diabete? Sei sicuro? Nò, perché tutto quello che è dolce sembra che non lo vuoi. Il diabete lo fa quello scherzo lì.

(Asèe -Letture-)