Aravoiate / 22.12.2020

Squillò il telefono, una, due volte, Firpo guardò l’orologio: le dieci meno venti. “Pronto.” “Firpo.” “Per forza.” “Sono Zomme.” “Lo so. Che è successo?” “Sai già…” “Nò.” “E allora come…” “A casa mi si pranza a mezzogiorno, si cena alle sette. Se...

Aravoiate / 27.03.2020

Un mattino, un marcio sole doveva ancora sorgere. Il gallo strillava nel pollaio da tempo, fuori era buio, ma il pennuto squarciava le tenebre con i suoi strilli stonati. Il ragazzo scese dal...

Aravoiate / 16.03.2020

Le foglie invadevano rigogliose le piante della vallata come una verde malattia tropicale, l’abbondante acqua che avevano adsorbito due mesi prima si sprigionava in un verde scuro che diventava accecante quando il sole...